MoFFe 2018 – i documentari

Il programma dell’edizione 2018 nel dettaglio:

sabato 9 giugno – Caerano Di San Marco – Ex Centrale elettrica – Via Piave, 157
Il Circolo Wigwam il Presidio, una storia che parte da lontano – di Davide Mella
Dur: 51 mim

Un piccolo fazzoletto verde, l’ultimo rimasto della campagna a sud di Padova, racconta la resistenza eroica all’avanzata del “capannone” e l’espandersi della zona industriale della città patavina. La piccola cascina che ospita il Circolo Wigwam come punto di osservazione privilegiato da cui guardare ad una miope politica di gestione del territorio, dove lo sviluppo delle aree industriali è stato caratterizzato da una speculazione edilizia che ha distrutto per sempre il passato agricolo e verde – ma anche il futuro – del Veneto.

In apertura Asfalto#01 – Pensare metà – di Dimitri Feltrin
Dur: 16 min
Opera strategica contro storie personali; questo corto racconta gli effetti collaterali della mastodontica e senza fine Pedemontana Veneta: un progetto che, nella carta, non aveva tenuto conto delle ripercussioni sulle tante storie private dietro ad ogni zolla di terra espropriata. Primo di tre cortometraggi che compongono la trilogia #Asfalto, Pensare Metà racconta la storia della Famiglia Tonin che, dopo tanti anni di duro lavoro, rinunce e sacrifici per mettere in piedi e far fruttare la propria azienda agricola, stanno per vedersela deturpare e snaturare dal passaggio della Superstrada Pedemontana. Da un progetto e con le fotografie di Dario Antonini; regia, fotografia e montaggio di Dimitri Feltrin; musiche di Angelo Michieletto; con il contributo del Comune di Riese Pio X.

Serata in collaborazione con l’associazione Archeostorica Cayran.


sabato 16 giugno – Pederobba – cortile Opere Pie – via Roma, 65
Finché c’è Prosecco c’è Speranza – di Antonio Padovan
Dur: 101 min

Ospiti della serata Fulvio Ervas, autore del libro da cui è stato tratto il film, e Daniele Ferrazza, giornalista de La Tribuna di Treviso.
Un territorio votato alla viticoltura, un cementificio, un mistero attorno alla morte di uomo. Un noir che non è solo fiction. La pellicola ha fatto conoscere a tutta Italia, e non solo, le bellezze del nostro territorio, tra colline e centro trevigiano: ma, calato all’interno del Moffe e grazie alla partecipazione alla serata dell’autore del libro da cui è tratta la sceneggiatura, vogliamo dare a questa pellicola un sentore diverso.

Serata in collaborazione con il coordinamento Coltiviamo Futuro.


sabato 23 giugno – Segusino – loc. Milies, via degli Alpini
Human – di Yann Arthus-Bertrand
Dur: 160 min

Lungometraggio, collage di interviste e bellissime fotografie, il progetto di Yann Arthus-Bertrand ha come protagonista l’essere umano nelle sue tantissime sfumature. Un’opera dalla grandissima profondità artistica. Fotografo e documentarista, già regista del bellissimo Home, un volo aereo lungo tutta la Terra. In collaborazione con Drioghe la Stéla e Gli amici di Milies.
ore 20.30 – passeggiata storico culturale tra le strade del borgo di Milies, a cura degli “Amici di Milies”.


sabato 30 giugno – Cavaso del Tomba, loc. Caniezza – Villa Premoli – Via Obledo
Con i piedi per terra – Un viaggio tra terra e cielo – del collettivo Radici nel Cielo
Dur: 86 min

Nelle campagne italiane esistono persone che hanno scelto di radicarsi sul territorio per coltivarlo in maniera autonoma, efficiente, rispettosa dell’ambiente. Sembra una favola sbarazzarsi dei metodi agroindustriali eppure oggi in Italia c’è chi vive questa favola tutti i giorni. Chi sono? Come fanno reddito? Quali tecniche adottano? E perché il loro lavoro è necessario? Questo documentario racconta tutto questo.


venerdì 6 luglio – Pieve di Soligo – Villa Brandolini D’Adda, Piazza Liberta’, 7
Dusk Chorus – Based on “Fragments of Extinction” by David Monacchi – di Alessandro dEmilia & Nika Saravanja
Dur: 62 min


Un’opera singolare e unica, un vero e proprio film sonoro: la foresta amazzonica come non l’abbiamo mai… sentita! Un documentario dove il suono della Natura è il protagonista: un invito ad uscire dal caos dell’inquinamento sonoro delle nostre case e città, cercare il silenzio assoluto per riscoprire il canto della Natura attorno a noi.

Serata in collaborazione con l’Amministrazione Comunale di Pieve di Soligo, Terra Mia, Associazione Culturale Careni, associazione Amici per Solighetto.
ore 20.45 – visita guidata alla villa ed al borgo di Solighetto, a cura dell’Associazione Amici per Solighetto


sabato 14 luglio Onigo di Pederobba – Terze Porte del canale Brentella, via Molini.
Sarà (stato) paesaggio? Dalle ville palladiane alle villette a schiera, riflessioni e suggestioni sul rapporto tra uomo e paesaggio. Di e con Tiziano Tempesta e Alberta Toninato, con la collaborazione di Elisa Simeoni.
Tra storia dell’arte, letteratura e saggistica, una conferenza-spettacolo in cui gli interpreti si alternano in una narrazione che parte dal Veneto delle ville palladiane per giungere a quello delle villette a schiera, attraverso le mutazioni della percezione del paesaggio nei secoli.
In collaborazione con il Consorzio di Bonifica Piave, Italia Nostra Asolo, Salviamo il paesaggio Asolo-Castellana
ore 21.00 – Le terze porte e la storia del canale Brentella, a cura del Consorzio di Bonifica Piave

Info: 347.8611699 – 340.2903784
info@moffe.it – www.moffe.it



I commenti sono chiusi.